Cerca

Clicca su "cerca" e trova il locale

Contatta il locale

Scegli cosa desideri e la modalità

Paga all'esercente

Nessuna commissione

Goditi il cibo

Rilascia una recensione

Come funziona il progetto?

Il progetto “Tu resta a casa che al resto ci pensiamo noi” ha come obiettivo quello di limitare i danni del corona virus sulle attività commerciali. La nostra community composta da pagine di food blogging, commercianti ed appassionati della buona tavola, ogni giorno supporta l’imprenditoria romana e laziale pubblicizzando le attività che erogano servizi di DELIVERY e/o ASPORTO sul territorio laziale.
Al momento contiamo più di migliaia di persone coinvolte nell’iniziativa (ma siamo in continua espansione)

Aiutaci a

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email

Sei un esercente?

Hai un’attività commerciale che effettua servizi di delivery e/o asporto a Roma e dintorni? Compila il nostro modulo e verrai inserito nel nostro sito web. Potrai anche pubblicizzare la tua attività sul nostro gruppo Facebook.

Consegna a domicilio/Asporto

Vuoi ordinare un panino, una torta, un po' di verdura o del buon vino? Sfrutta la ricerca della pagina esercenti ed ordina ciò che vuoi dall’esercizio commerciale più vicino a te! Se il servizio ti è piaciuto, inserisci una recensione.

Si tratta di un progetto di solidarietà, non ha scopo di lucro

Ultimi Esercenti Inseriti

Wet Caffè

Siamo dei folli e dei sognatori, con le mani bruciate dalla tostatrice a legna e la bottega piena di biciclette, palloni da rugby e libri

Visita »

Nomisan Ristorante Giapponese

Siamo un ristorante giapponese tradizionale, a conduzione di una famiglia italo-giapponese. Offriamo un servizio di ristorazione a la carte e siamo aperti tutti i giorni,

Visita »

Parlano di noi

Ultime dal Blog

Intervista a Marco Funaro

Se siete curiosi di scoprire le bontà tipiche del Cilento, siete capitati nel posto giusto! Proprio di questo ho parlato con Marco Funaro, che mi

Visita »